Il Sant’Antonio in Abruzzo




Abruzzo | Antonio D'Angelo | 15 gennaio 2011 alle 01:03

sant__antonio_ortona_1276257745

Il 17 Gennaio e’ il giorno della festa di Sant’Antonio Abate a cui il popolo devoto affidava la protezione degli animali.

La sua immagine infatti , si trovava in tutte le stalle.

Il 17  Gennaio nella cultura contadina e’ un giorno fondamentale che corrisponde con l’inizio del calendario dei lavori nei campi.

Questo santo viene sempre raffigurato con un maiale che, in principio , era

nell’immaginario popolare ,un cinghiale retaggio di una divinita’ adorata in Gallia e i cui attributi i primi cristiani avevano  trasmesso al santo.

Le leggende successive spiegano, invece quel maialino, come il diavolo tentatore del santo .

Il Santo Antonio e’ stato da sempre associato  al fuoco elemento maschile e simbolo di forza vitale, purificatrice e propiziatoria; e il fuoco e’ il protagonista della notte di Sant’Antonio abate con i falo’ che vengono alimentati per tradizione nella settimana che precede il 17 Gennaio.

Il fuoco nella tradizione popolare scatena energie positive, distrugge  il male e sconfigge la paura ma, annuncia anche il passaggio dal buio invernale alla luce primaverile.

La tradizione si ripete sempre la settimana che precede il giorno della festa e nei campi di numerose localita’ abruzzesi si incendiano colonne enormi di legna dette ,a seconda della localita’, “farchie  “,”Focaracci “,”Focaroni” ; i giovani cantori girano per le strade di paese cantando vecchie canzoni che narrano la lotta tra il Santo e il Demonio, facendo la questua .

“Cantare lu Sant’Antonio ” assumeva nella cultura popolare una veste quasi burlesca perche’ il Demonio diventa un folletto dispettoso che tenta il Santo.

Al termine della rappresentazione il Demonio viene traffitto dal Santo con la spada dell’Arcangelo .

Con questa rappresentazione burlesca il mondo contadino dava inizio ai festeggiamenti del carnevale.


Ti è piaciuto questo articolo? CONDIVIDILO!


Abruzzo su Facebook: ti piace? Sottoscrivi il nostro feed RSS

Citycool su Facebook





Articolo scritto da Antonio D'Angelo

Antonio D'Angelo Antonio D'Angelo Nato a Pescara il 26/01/1975, frequenta il Liceo Classico G. D'annunzio di Pescara e si laurea in medicina veterinaria presso l'università di Bologna. Oggi è un veterinario libero professionista nella sua città natale e si diletta nella lettura di libri, ascolta la buona musica ed è un appassionato di calcio.
Sito: http://animaliesotici.blogspot.com


1 commento

  1. Fred scrive:

    Sant’Antonio a lu demonio…..

Lascia un commento