Società Abruzzo




Abruzzo | Antonio D'Angelo | 7 gennaio 2011 alle 23:49

IL BIMBO DOVE LO METTO

Prendo spunto da un problema nazionale per entrare nel particolare della situazione abruzzese.
L’assistenza per la prima infanzia , e parlo di asili nido, sta perdendo qualita’.
Mai piu’ asili nido gestiti dai comuni, ora va di moda convenzionare con il privato.
Fin qui non ci troverei niente di strano se non fosse che da qui si entra nella giungla salariale degli operatori del settore: molte volte si assiste al ritorno a una vecchia idea, basta essere donna per sapere gestire un bambino; e cosi’ molte volte si recluta personale improvvisato, magari precario ,per abbassare i costi e spuntare un prezzo piu’ basso per convenzionarsi con i comuni.
Una logica di mercato che in momenti di crisi ci potrebbe anche stare, ma non sulla pelle dei nostri bambini!
Purtroppo in Italia, in questo settore, vige una vera e propria devolution: i criteri dei nidi comunali variano da regione a regione, per cui si va dai quattro ai dieci bambini per educatrice, gli spazi (in metri quadri per bambino) variano di tantissimo e la regione Abruzzo si pone come fanalino di coda con soli cinque metri quadri. Persino il Molise ne prevede quasi il doppio.
Se andiamo a spulciare le percentuali di bimbi dai 0 ai 2 anni accolti nelle strutture pubbliche convenzionate e private nella regione Abruzzo vediamo che nel 2009 navighiamo su un 13,1 (dati della conferenza nazionale della famiglia) ben lontano da quel bimbo su tre che era l’obiettivo di Lisbona.
Animo, capisco che in questi tempi di magra si tagli un po’ a casaccio e in ogni campo, ma i nostri figli valgono piu’ di qualche sacrificio!

Antonio D’Angelo Pescara


Ti è piaciuto questo articolo? CONDIVIDILO!


Abruzzo su Facebook: ti piace? Sottoscrivi il nostro feed RSS

Citycool su Facebook





Articolo scritto da Antonio D'Angelo

Antonio D'Angelo Antonio D'Angelo Nato a Pescara il 26/01/1975, frequenta il Liceo Classico G. D'annunzio di Pescara e si laurea in medicina veterinaria presso l'università di Bologna. Oggi è un veterinario libero professionista nella sua città natale e si diletta nella lettura di libri, ascolta la buona musica ed è un appassionato di calcio.
Sito: http://animaliesotici.blogspot.com


Lascia un commento